Giovanissimi Nazionali terzi al Città di San Vincenzo

I Giovanissimi Nazionali hanno chiuso al terzo posto nella prima edizione del Torneo Città di San Vincenzo. La squadra di Alessandro Grandoni è stata superata nella semifinale del quadrangolare livornese dal Genoa per 2-0. I grifoni liguri hanno confermato le credenziali della vigilia dimostrando di essere una delle formazioni meglio attrezzate nel panorama nazionale e di poter ambire ad un ruolo di protagonista nelle corsa all’assegnazione del titolo tricolore. I viola sono apparsi in difficoltà, più che altro sul piano fisico, nel replicare alle ficcanti azioni del Genoa, che un gol per tempo ha piegato la resistenza dei gigliati. Nell’altra semifinale l’Empoli ha superato il Livorno per 4-0. Ecco la squadra schierata da Grandoni nel match con il Genoa: Chiorra, Ferrarini, Simonti, Cecconi (51′ Cecchi), Zitelli (40′ Martiniello), Lovato, Cavallini, Lakti, Torricelli (66′ Campagna), Stanzani (62′ Nannelli), Sarli (51′ Longo). A disposizione Masi, Siniega, Soldani, Landi. Reti: al 27′ Girgi, 50′ Zola.

Nel pomeriggio le finali. In quella di consolazione per il terzo e quarto posto la Fiorentina ha superato il Livorno per 1-0. I viola si sono riscattati giocando un buon primo tempo e realizzando con Campagna al 22′ la rete decisiva. Nella ripresa la replica del Livorno, che non è riuscito, nonostante la predominanza territoriale, a scardinare la munita difesa gigliata. Ecco la squadra schierata dal tecnico viola: Masi, Cecchi, Simonti, Landi, Martiniello, Siniega, Sarli, Soldani, Campagna, Stanzani (37′ Cavallini), Nannelli (31′ Torricelli). A disposizione Chiorra, Ferrarini, Cecconi, Lovato, Lakti, Zitelli, Longo.

Nella finalissima il Genoa ha superato l’Empoli per 2-0 aggiudicandosi la manifestazione. In casa viola da registrare anche un riconoscimento personale: Erald Lakti è stato premiato come miglior giocatore del torneo. Di seguito, in collaborazione con www.tvprato.it alcune immagini della giornata:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.