Ianis Hagi, i retroscena sulla sua avventura alla Fiorentina: dalle email a Ramadani alle pressioni su Sousa

Dagli ultimi documenti di Football Leaks arrivano retroscena importanti anche in ottica Fiorentina, riporta sul media rumeno gazeta.ro da Costin Ştucan. Al centro delle attenzioni di numerosi dati riservati c’è anche Ianis Hagi, trequartista classe ’98 transitato a Firenze dal 2016 al 2018.

Per il suo arrivo in viola dal Viitorul Costanta si è mobilitato in prima persona Pini Zahavi, superagente israeliano proprietario della Lian Sport, che con babbo Gheorghe ha un rapporto di amicizia e di affari. Nel luglio 2015, cioè un mese dopo l’insediamento di Pedro Pereira, figura legata a Fali Ramadani, strettissimo collaboratore di Zahavi, come nuovo dirigente della Fiorentina, il club gigliato acquista Hagi dal Viitorul per 1,7 milioni di euro pagabili in tre rate, con percentuale del 10% sull’eventuale rivendita.

Il giovane rumeno viene aggregato alla prima squadra di Paulo Sousa, che però gli concede appena 48 minuti in campionato. Zahavi e Ramadani fanno pressioni per vederlo titolare, così la società viola per gestire la situazione incarica Valentino Angeloni, all’epoca osservatore, di stilare una relazione, in cui emerge che Hagi deve lavorare e rafforzarsi fisicamente per essere competitivo a alti livelli. Un documento che Mario Cognigni, presidente esecutivo viola, invia a Fali Ramadani, con una raccomandazione: “Leggi con calma”.

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.