La Primavera ha la pareggite: viola fermati dal Palermo. La classifica…

Quarto pareggio consecutivo per la Primavera, che nella ventottesima giornata di campionato non riesce ad andare oltre il 2-2 con il Palermo al “Bozzi” di Firenze. Primo tempo avaro di emozioni. L’aggressività iniziale del Palermo costringe la Fiorentina ad un atteggiamento più guardingo, che progressivamente però vede i ragazzi di Bigica conquistare fiducia e campo.

Al 26′ Meli rompe l’equilibrio, controllando un cross di Ferrarini e insaccando di potenza da centro area. Vlahovic sfiora il bis, poi ecco il pareggio rosanero con Birligea (43′), che salta Gillekens e infila Chiorra all’angolino basso con il primo tiro in porta della partita.

Nella ripresa la Fiorentina parte con il piede giusto e sfiora il vantaggio con Vlahovic (tra cui una traversa) e Koffi. A metà frazione botta e risposta. Meli riporta avanti i viola (63′) sugli sviluppi di un angolo, con l’arbitro che prima assegna il gol, poi lo annulla per fuorigioco e quindi lo convalida dopo un colloquio con il guardalinee. Il Palermo non demorde e pareggia con Birligea (65′), approfittando di una disattenzione difensiva dei gigliati.

La Fiorentina prova l’assalto per riportarsi di nuovo in vantaggio, ma senza riuscirci. Nel finale caos per un malinteso su un pallone da restituire: rissa generale, espulsi Maganjic e un giocatore rosanero.

Con questo risultato la squadra di Bigica sale a 48 punti, restando al quinto posto in classifica, con una gara in meno rispetto alle avversarie. Comunque, c’è la certezza matematica di essere ai play off. [CLASSIFICA]

La formazione viola scesa in campo: Chiorra, Ferrarini, Simonti (47′ st Bocchio), Antzoulas, Gillekens, Beloko (47′ st Hanuljak), Simic (23′ st Maganjic), Lakti, Vlahovic (42′ st Kukovec), Meli (42′ st Pierozzi N.), Koffi. A disp.: Ghidotti, Pierozzi E., Dutu, Nannelli, Longo, Gorgos, Fiorini.


LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.