Primavera, finisce l’imbattibilità: la Juventus vince di misura

La Primavera si ferma a Vinovo. La squadra di Federico Guidi, infatti, ha perso 1-0 contro la Juventus nell’anticipo della nona giornata di campionato. Una sconfitta che arriva dopo una striscia di sei vittorie e due pareggi, ma soprattutto dopo l’impegno infrasettimanale di Coppa Italia, con i viola che hanno giocato 120′ mercoledì (con i titolari) contro i 90′ dei bianconeri (con ampio turn-over). La Fiorentina, dunque, torna a perdere dopo oltre due anni contro la Juventus, vedendo accorciato il vantaggio in classifica: viola fermi, e comunque primi, a 20 punti, bianconeri che salgono a 19; la Virtus Entella vincendo può agganciare i gigliati in vetta.

Passando al match, i viola propongono due novità di formazione rispetto al match con il Chievo: in difesa al centro c’è Bagadur con Boccardi dirottato sulla destra, mentre a centrocampo ritorna Bitunjac in cabina di regia. Proprio il mediano croato si rende pericoloso in apertura con un tiro a lato. Partita molto equilibrata, con intorno alla mezz’ora un’occasione per parte. Prima Lirola sfiora il palo con un diagonale preciso, poi Minelli si vede annullare un gol per posizione (dubbia) di fuorigioco. Lo stesso Minelli impegna severamente Audero in chiusura di frazione con un colpo di testa insidioso, ben respinto; dall’altra è bravo Makarov a fermare in uscita l’iniziativa centrale di Udoh. All’intervallo è 0-0.

Nel secondo tempo parte meglio la Juventus e al 62′ passa in vantaggio con Pozzebon, che insacca sottomisura sugli sviluppi di un calcio d’angolo. I bianconeri sfiorano il raddoppio con il colpo di testa fuori di Blanco. Risposta viola affidata a Minelli in acrobazia, con Lirola a salvare sulla linea. Al 73′ Juve in dieci uomini a causa dell’espulsione del subentrato Kastanos, che da terra scalcia Bagadur dopo un contatto di gioco. La Fiorentina prova il forcing finale con le poche energie a disposizione, ma la Juventus si chiude bene e porta a casa la vittoria.

JUVENTUS: Audero 6.5, Lirola 7, Zappa 6, Pellini 6.5, Blanco 6.5, Romagna 6, Macek 6, Pozzebon 6.5 (64′ Vadalà 5.5), Udoh 6 (58′ Kastanos 4.5), Clemenza 5.5 (80′ Tourè sv), Cassata 6. A disposizione: Del Favero, Vitali, Beruatto, Parodi, Severin, Bove, Morselli, Coccolo, Vogliacco. Allenatore: Fabio Grosso
FIORENTINA: Makarov 6, Boccardi 6 (85′ Buonavita sv), Bagadur 6, Diallo 6 (85′ Caso sv), Bitunjac 6.5 (64′ Valencic 6), Ranieri 6.5, Minelli 6.5, Diakhatè 6, Mlakar 5.5, Bangu 6, Chiesa 6. A disposizione: Cerofolini, Masiero, Sanna, Baroni, Benedetti, Dabro, Trovato, Tacconi, Buonavita. Allenatore Federico Guidi
Arbitro: Andrea Tardino di Milano
Rete: 62′ Pozzebon
Note: ammoniti Bitunjac, Pellini, Bagadur, Pozzebon, Cassata, Boccardi, Tourè, Chiesa; espulso Kastanos (J) al 73′ per fallo di reazione; recuperi 1′ pt e 5′ st.

Ti potrebbe interessare anche

2 Thoughts to “Primavera, finisce l’imbattibilità: la Juventus vince di misura”

  1. Dan

    All’85’ al posto di Boccardi è entrato Buonavita e non Mosti

    1. Stefano Fantoni

      Grazie per la segnalazione, errore corretto.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.