Primavera, Fiorentina-Avellino 1-0: decide Bangu, ma che fatica!

Gli irpini chiudono in dieci, Empereur sbaglia dal dischetto.

Vincere per mantenere il primato in classifica. Questo l’imperativo per la Primavera viola, che al “Poggioloni” affronta l’Avellino fanalino di coda. Privo di Lezzerini e Fazzi, Semplici lancia tra i pali Bardini, lascia Zanon in panchina scegliendo al suo posto Venuti, con Papini new entry nell’undici di partenza sulla fascia destra; per il resto tutto confermato, con il tandem Gulin-Gondo assistito da Bangu, fin qui capocannoniere dei viola con cinque reti. Dall’altra parte l’Avellino, che fin qui ha raccolto un punto e cercherà di ritornare in Campania con qualche spunto positivo. Arbitro del match è Bertani di Pisa.
Andy Bangu, match winner di giornata
(©Foto di Federico De Luca)
Partenza lanciata della Fiorentina, subito in pressing e votata all’attacco. Primo squillo al settimo minuto con Gulin, il cui tentativo su cross di Papini termina alto. Ancora il folletto di Trieste pericoloso quando, dopo una respinta del portiere ospite sul tiro di Bangu, la sua conclusione viene allontanata da Cozzolino sulla linea di porta. I campani dopo pochi minuti perdono per infortunio Damo, sostituito da Distasio, subito utile alla causa quando nega il gol a Gulin, che tra sfortuna e imprecisione non riesce proprio a timbrare il cartellino. Al giro di boa della prima frazione gli irpini si fanno vedere in attacco su calcio da fermo, mal gestito da Masocco che calcia a lato. Una manciata di minuti prima dell’intervallo nuova occasione viola, stavolta con Gondo, il quale approfitta di un tiro deviato di Capezzi per calciare a rete, ma la difesa ospite mura la conclusione dell’ivoriano. Con il risultato inchiodato sullo 0-0 le squadre vanno negli spogliatoi.
Nessuna sostituzione e la partita riprende da dove si era interrotta, cioè con la Fiorentina alla ricerca del gol e l’Avellino arroccato per mantenere un pareggio prezioso. Subito doppia opportunità per Capezzi, tra cui un calcio di punizione a lato di poco, poi ancora Gulin spreca da buona posizione, vanificando così lo slalom di Bangu sulla fascia. Poco dopo l’ora di gioco Semplici manda in campo Dabro al posto di Berardi: sarà una sostituzione importante. Il croato entra subito in partita impegnando dal limite Rizzo, che deve distendersi in corner per mantenere inviolata la propria porta. A sei minuti dalla fine finalmente la Fiorentina passa in vantaggio. Venuti scende sulla fascia e crossa al centro, il portiere campano si fa sfuggire il pallone e Bangu insacca da posizione ravvicinata. Sesto gol in campionato per il centrocampista classe ’97, che da trequartista sembra aver trovato la propria posizione in campo ideale. Dopo il gol è Dabro a condurre la manovra offensiva. Prima dialoga bene con Gondo e serve Costanzo, il quale forse pecca di egoismo non restituendogli il pallone; poi lancia a rete lo stesso Costanzo, che viene steso da Criscito, espulso per fallo da ultimo uomo. Nei tre minuti di recupero, Peralta guadagna un calcio di rigore, sbagliato da Empereur che non riesce a chiudere il match. L’Avellino però è tutt’altro che pericoloso e fino al triplice fischio finale è ordinaria amministrazione per i viola.
La disposizione tattica dei viola
Finisce 1-0, risultato stretto per quanto mostrato dalla Fiorentina, che conquista tre punti continuando il testa a testa con la Lazio, quest’oggi travolgente in quel di Latina dove ha vinto con un 6-1 rotondo. La classifica dice Fiorentina e Lazio a quota 21, inseguiti da Roma e Livorno. All’Avellino non resta che voltare pagina, lasciarsi alle spalle l’ennesima sconfitta e preparare al meglio il prossimo incontro di campionato.
FIORENTINA (4-3-1-2): Bardini, Papini, Madrigali, Empereur, Venuti (75’ Peralta), Petriccione, Berardi (64’ Dabro), Capezzi, Bangu, Gulin (80’ Costanzo), Gondo. A disp.: Barsottini, Di Curzio, Mancini, Pandolfi, Posarelli, Zanon. All: Semplici
AVELLINO: Rizzo G, Cozzolino, Criscito, Antogiovanni (66’ Rotunno), Acquaviva, Damo (9’ Distasio), Masocco, Musto, Rizzo P, Angeletti, Evangelista (66’ Serrone). A disp.: Luzi, Guerriero, De Feo, Nicoletta, Lampazi, Gagliardo. All: Luperto
ARBITRO: Bertani di Pisa
RETI: 84′ Bangu
NOTE: ammoniti Empereur, Musto, Antogiovanni, Serrone; espulso Criscito all’89’ per fallo da ultimo uomo; al 91’ Empereur ha sbagliato un calcio di rigore; recuperi 1’ pt e 3’ st.

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.