Primavera

Primavera, tris al Livorno e ritorno alla vittoria

fiorentina livorno primavera

Ritorno alla vittoria. La Primavera si è imposta per 3-1 contro il Livorno nella seconda giornata di ritorno. La squadra di Federico Guidi ha chiuso la pratica nei primi quarantacinque minuti, gestendo ottimamente le forze in vista del match di Coppa Italia contro la Juventus. Il tecnico viola ha mescolato le carte, proponendo dal primo minuto alcuni elementi (Mosti, Benedetti, Degl’Innocenti) che finora avevano avuto poco spazio, oltre al fuoriquota Iakovenko. A riposo, per motivi diversi, alcuni big (Boccardi, Diakhatè, Mlakar, Trovato).

Botta e risposta nei primi minuti: Sagnini incorna a lato di poco, poi Pulidori respinge un tentativo di Chiesa. Prima del quarto d’ora doppio affondo viola. Al 12′ è proprio Iakovenko ad aprire le marcature con un diagonale mancino dall’interno dell’area di rigore. Due minuti più tardi raddoppia Minelli, che riceve da Bangu sul filo del fuorigioco e supera Pulidori con freddezza. Partita in ghiaccio? Neanche per sogno, perché Poggi va giù in area dopo un contatto con Mosti: rigore per il Livorno. Dagli undici metri va Testa che spiazza Makarov e accorcia le distanze. Alla mezz’ora si ristabiliscono le distanze. Pulidori in uscita stende Degl’Innocenti: rigore per i viola ed espulsione per il portiere amaranto. Dal dischetto ci va lo specialista Bangu che realizza, con il neoentrato Romboli che intuisce ma non devia. Altre occasioni viola con Mosti e Iakovenko, poi squadre negli spogliatoi.

Nella ripresa Guidi lancia subito nella mischia Gori, bomber degli Allievi Nazionali, che subito timbra il cartellino su assist di Ranieri, ma in posizione di fuorigioco. Ci prova ancora Chiesa, uno dei migliori, ma Romboli gli dice no. Occasione ghiotta anche per Degl’Innocenti, che tira a botta sicura trovando l’ex Gemmi alla respinta in extremis. Poi amministrazione dei gigliati, che al fischio finale conquistano la vittoria. La classifica in vetta non cambia, poiché anche Juventus e Virtus Entella hanno battuto rispettivamente Torino e Carpi, dunque: bianconeri primi a 37, liguri dietro a 36 e poi viola a 33, poi Sassuolo (30) e Torino (26).

FIORENTINA: Makarov 6, Mosti 6.5, Benedetti 6.5, Diallo 6.5, Valencic 7, Ranieri 6.5, Minelli 7 (15′ st Maistro 6), Degl’Innocenti 6.5, Iakovenko 6.5 (1′ st Gori 6.5), Bangu 6.5 (28′ st Militari 6), Chiesa 7. A disp.: Satalino, Masiero, Sanna, Baroni, Tacconi, Caso, Bitunjac. All.: Federico Guidi
LIVORNO: Pulidori 5, Morelli 5.5, Benassai 5.5 (2′ st Brizi 6), Buselli 5.5, Macera 6, Gemmi 6, Sagnini 6.5 (13′ st Cragno 6), Bartorelli 5.5, Testa 6, Migiotti E. 5.5 (31′ pt Romboli 6), Poggi 6. A disp.: Santini, Bellemo, Bani, Migiotti J., Ettajami. All.: Stefano Brondi
Arbitro: Lorenzo Bertani di Pisa
Reti: 12′ pt Iakovenko (F), 14′ Minelli (F), 22′ Testa rig. (L), 32′ Bangu rig. (F)
Note: ammoniti Macera; espulso Pulidori (L) al 29′ pt per chiara occasione da gol; recuperi 0′ pt e 0′ st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.