Spalluto più Brancolini, la Primavera batte il Torino e vede la luce

Dopo due sconfitte consecutive la Primavera torna alla vittoria. E che vittoria, perché la squadra di Emiliano Bigica batte 1-0 il Torino nello scontro diretto in zona salvezza andato in scena al “Bozzi” di Firenze.

Primo tempo piacevole e con occasioni da ambo le parti. Parte meglio il Torino, che vede annullarsi per fuorigioco (dubbio) la rete del possibile vantaggio con Singo, il quale successivamente chiama Brancolini alla respinta. Poi esce fuori la Fiorentina e al 35′ passa in vantaggio: Koffi innesca Beloko sulla sinistra, rasoterra dal fondo che trova la deviazione vincente di Spalluto, palla in rete e auto-regalo di compleanno per l’attaccante salentino, che proprio oggi festeggia 19 anni. I viola chiudono la frazione in attacco: prima annullato per fuorigioco il raddoppio di Pierozzi, poi Duncan impegna severamente il portiere avversario.

Nella ripresa cala il ritmo, ma non il numero di occasioni. La Fiorentina amministra il minimo vantaggio, il Torino forza le giocate e colpisce anche un palo con Singo sugli sviluppi di un calcio piazzato. Nel finale sale in cattedra Brancolini, che con una respinta miracolosa devia con la punta delle dita il possibile pari di Gonella.

Al fischio finale i ragazzi di Bigica portano a casa una vittoria preziosissima, che consente ai viola di salire a 21 punti. Fiorentina che resta quartultima e in zona playout, ma a -1 dal Torino e quindi dalla zona salvezza.

Adesso testa alla semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Juventus: mercoledì a Vinovo si ripartirà dall’1-1 maturato al “Franchi”.

La formazione viola scesa in campo: Brancolini; Pierozzi E., Dutu, Dalle Mura, Simonti; Beloko, Fiorini, Lovisa (58′ Bianco); Spalluto, Duncan (85′ Ponsi), Koffi (70′ Pierozzi N.). A disp.: Carcani, Frison, Hanuljak, Chiti, Agostinelli, Fruk, Milani.

***SEGUICI SU INSTAGRAM!***

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.