Zero squadre nazionali a playoff o finali: prosegue il trend negativo. Un fallimento che deve far riflettere

Zero. Come le squadre della Fiorentina qualificate ai playoff o alle fasi finali dei campionati nazionali Under 17, Under 16 e Under 15. Due sesti posti e un settimo che messi insieme tolgono la squadra viola dalla geografia dell’élite dei settori giovanili in Italia.

Un fallimento su tutta la linea, soprattutto se confrontato con i risultati di altre realtà, sia superiori che inferiori: Inter, Juventus e Roma con tre squadre su tre alle finali, Napoli e Atalanta ne portano due direttamente alle finali e una playoff, una e una per Novara, Torino e Sassuolo, una formazione alle finali per Ascoli e Lazio, tre ai playoff per Milan e Genoa, due playoff per Sampdoria, Frosinone e Bari, una sola ai playoff per Benevento, Cagliari, Palermo, Cesena, Salernitana, Avellino e Udinese.

Ci sono tutte, mancano solo Chievo, Empoli e Fiorentina appunto. E l’assenza dei viola fa molto rumore, perché è la conferma di un trend negativo iniziato la scorsa stagione, quando solo gli Under 16 centrarono la qualificazione ai quarti di finale (dove poi arrivò l’eliminazione), mentre Under 17 e Under 15 arrivarono rispettivamente settimi e ottavi. Con la riforma dei campionati, e quindi con la separazione tra club di A e B da quelli di C, nonché con l’introduzione della categoria Under 16, la Fiorentina si è fortemente ridimensionata.

Perché i risultati (scadenti) sono la conseguenza di una linea strategica, evidentemente, da ripensare. Nel corso degli anni si è pescato a piene mani un po’ ovunque, in Italia e all’estero, rivoluzionando intere rose nel passaggio dai Giovanissimi Prof agli Under 15, e poi ancora aggiungendo elementi su elementi fino alla Primavera, dove ulteriori tagli orizzontali hanno disperso qualche talento che adesso si sta mettendo in luce altrove (vedi alla voce Zaniolo).

Una gestione che nel corso di questi anni non solo ha prodotto appena una manciata di calciatori da Serie A (Bernardeschi, Babacar, Chiesa e D’Ambrosio i casi più illustri, con Mancini, Capezzi, Venuti e Iemmello in rampa di lancio, all’estero c’è Piccini), ma neanche ha ottenuto risultati a livello di competizioni nazionali. I numeri parlano chiaro: a livello Under 17 l’ultima finale scudetto giocata (e vinta) risale alla stagione 2008/09, a livello Under 15 (anche qui giocata e vinta) all’annata 2010/11. Nel mezzo solo mancate qualificazioni o eliminazioni nella fase a eliminazione diretta, spesso prima delle semifinali.

Saranno giorni di riflessione profonda, o almeno speriamo, perché, per non buttare via il bambino con l’acqua sporca, serve un cambio di rotta. Anche e soprattutto per dare senso allo sbandierato progetto di voler investire e puntare sul settore giovanile a livello di strutture. Perché alla fine si raccoglie sempre quello che si semina. E se decidi di tagliare di netto la pianticella che hai cresciuto con cura e dedizione, in favore di una pianta solo apparentemente più robusta, il raccolto non potrà che essere di livello scadente.


LEGGI ANCHE

3 pensieri riguardo “Zero squadre nazionali a playoff o finali: prosegue il trend negativo. Un fallimento che deve far riflettere

  • 24 aprile 2018 in 21:53
    Permalink

    Basterebbe mandare via Cappelletti e Niccolini …. stanno e hanno rovinato tutto in Fiorentina a partire da rapporti con le società dilettantistiche toscane. Fanno i padroni e prendo i figli di … invece di puntare sulla qualità. Ecco dove è il problema.

    Risposta
  • 23 aprile 2018 in 10:34
    Permalink

    già nell’Under 17 stranieri, ragazzi fuori regione, pochi fiorentini, poco senso di appartenenza. In Primavera poi…stranieri stranieri stranieri, buoni per plusvalenze. E poi il tanto sbandierato Centro sportivo giovanile di cui se ne parla da sei/sette anni: squadre che si allenano alle Caldine, squadre che si allenano alla Trave (su che campi, andare a vedere per curiosità) , altre in un terzo campo.

    Risposta
    • 24 aprile 2018 in 8:37
      Permalink

      Giocare in una squadra professionistica e specialmente quella della tua regione è un vanto che pochi riescono ad assaporare. Ma questo spirito di appartenenza si riesce a capire solo se segui le squadre dei più piccoli, che mostrano il giglio come uno stendardo e gli avversari li guardano con invidia ed un po’ di amarezza per non essere li al loro posto. Ci sono dei bimbi in toscana che sono fenomenali, che fanno un percorso di vita e sportivo senza eguali, che portano successi alla casa Viola, e poi si vedono abbandonati alle soglie dei giovanissimi nazionali. Purtroppo bisognerebbe insistere su questi giovani validi, perché gli esempi di buoni giocatori ex viola oggi in serie A ce ne sono a bizzeffe. Ma sulle scelte societarie non si discute, ci si può casomai confrontare. Un appello però sì………. il centro sportivo, un valore aggiunto per il settore giovanile e per la prima squadra, va fatto subito dove non importa, siti ce ne sono ma non perdiamo altro tempo, una risorsa da mettere a frutto da ieri.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.