Primavera

SI Primavera Best Awards, premiati Aquilani, Kayode e Amatucci

Sono andati in scena ieri a Milano i SI Primavera Best Awards, i premi assegnati da Sportitalia al termine della regular season del Campionato Primavera 1. C’è tanta Fiorentina nell’elenco dei premiati: Michael Kayode è stato scelto come miglior difensore, Lorenzo Amatucci come miglior centrocampista, mentre Alberto Aquilani è stato votato dagli altri tecnici come miglior allenatore.

Le dichiarazioni

Kayode: “Vincere un’altra Supercoppa è stata una grandissima emozione. Io mi trovo meglio a destra, ma sono a disposizione del mister, sono a disposizione della squadra. L’ambizione è quella di poter vincere il campionato, è una cosa fattibile perchè siamo un grande gruppo e cercheremo di fare il possibile, anche perché anche le altre squadre sono molto forti. Ho avuto la fortuna di fare diverse panchine in prima squadra, merito anche di mister Aquilani”.

Amatucci: “Ho fatto pochi gol ma importanti, quello in finale contro l’Inter il più importante di questa stagione. Il mister mi fa provare molto i calci piazzati, infatti qualche gol l’abbiamo trovato. Per me il mister è un esempio, devo ringraziarlo per tutto, per come mi ha fatto crescere e lo ringrazierò per tutta la vita. Nazionale? È sempre un onore, quest’anno abbiamo l’Europeo e per me è speciale. Siamo un grande gruppo, è questa la nostra forza, i nostri premi sono per tutto lo staff e la società. Non parla spesso il mister in campo, ma quando parla si sente. Playoff? Con la Roma è una sfida infinita, in campo vedremo chi riuscirà a vincere. Ci auguriamo il meglio per queste fasi finali. Quando Commisso viene al campo per noi è importante, è sempre bello sapere che ci seguono”.

Aquilani: “Quando vieni votato dai tuoi colleghi fa sempre piacere. Ringrazio la società, il mio staff, ma soprattutto ai miei ragazzi, senza loro non era possibile tutto ciò. Parto dal presupposto che ho trovato un rapporto umano molto forte qui a Firenze, a partire dal Presidente. Questo fa la differenza, in tanti aspetti che non si vedono in televisione. E’ sempre difficile trovare le persone e avere anche un legame, io mi trovo bene, sono contento di essere a Firenze. Commisso sta regalando alla Fiorentina un centro sportivo incredibile, c’è solo da ringraziarlo. Io ambisco ad allenare in Serie A, cosi come i ragazzi che sognano di giocarci. Non voglio forzare la mano, tutto verrà fuori in modo naturale. Non ho parlato con Italiano della finale di Conference, ma conosco l’ambiente, ho giocato una finale anche io delle finali, so cosa vuol dire per la piazza, c’è grande attesa”.

L’elenco dei premiati

Top 11: Palmisani (Frosinone); Kayode (Fiorentina), Dellavalle (Torino), Keramitsis (Roma), Dorgu (Lecce); Amatucci (Fiorentina), Stankovic (Inter), Pagano (Roma); D’Andrea (Sassuolo), Burnete (Lecce), Yildiz (Juventus).
Miglior allenatore: Alberto Aquilani (Fiorentina)
Miglior responsabile settore giovanile: Vincenzo Vergine (Roma)
Giovane rivelazione: Diego Sia (Milan)
Gol più bello dell’anno: Francesco Dell’Aquila (Torino)

SEGUICI SUI SOCIAL!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.