Primavera, caduta rovinosa: il Genoa passeggia al “Bozzi”

Dopo quattro pareggi di fila la Primavera di Emiliano Bigica cade malamente in casa, perdendo con un rotondo 4-0 contro il Genoa al “Bozzi” di Firenze nell’ottava giornata di campionato

Primo tempo a senso unico nell’evoluzione del risultato. La Fiorentina costruisce tre occasioni con Edoardo Pierozzi e Montiel, senza però concretizzare. Il Genoa ne elabora altrettante, ma trasformandole in gol. Al 28′ con due passaggi i rossoblu mettono Verona Grönberg davanti a Chiorra: tocco sotto le gambe del portiere e vantaggio. Al 38′ Eboa Ekong libera Klimavicius a tu per tu con il numero uno viola, che ammortizza ma non respinge il tiro del lituano: è raddoppio.

Al 41′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Chiti anticipa Moro ma insacca nella propria porta. Nella ripresa un errore di Rasmussen in marcatura porta alla doppietta di Klimavicius (46′). Poco dopo (55′), Chiorra esce a valanga su Moro in area: rigore. Dal dischetto Zennaro si fa ipnotizzare dal portiere viola che respinge. Il Genoa però non si ferma e centra il palo con uno scatenato Moro, che impegna severamente Chiorra in almeno due circostanze. Classifica che non si muove: Fiorentina ferma a 10 punti dopo otto giornate.

La formazione viola scesa in campo: Chiorra; Pierozzi E. (58′ Kukovec), Chiti, Rasmussen, Simonti (83′ Gelli); Fiorini, Hanuljak (58′ Bianco), Fruk (45′ Pierozzi N.); Montiel, Duncan (66′ Milani), Koffi. A disp.: Chiossi, Marino, Dutu, Gaeta, Spalluto.

***SEGUICI SU INSTAGRAM!***

LEGGI ANCHE

Ti potrebbe interessare anche

2 Thoughts to “Primavera, caduta rovinosa: il Genoa passeggia al “Bozzi””

  1. valter

    Quattro pareggi consecutivi contro squadre che precedevi in classifica,due sconfitte con squadre che ti sono davanti,gioco inesistente ,però da tre anni,mi fanno tanto temere la retrocessione in primavera 2.Mi consolano solo alcune squadre che perdono ,per adesso,più di noi:Saluti

  2. Matteo

    Ma che aspettano a cambiare l’allenatore ?

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.